Menu
Menu
Menu

Scrittura

Il Fatto Quotidiano – I miei articoli

Pubblicazioni per Nazione Indiana

L’Atlante dei destini – Romanzo

atlante_dei_destini romanzo cristiano denanni fotografoIl mio romanzo “L’Atlante dei destini”

“Istè era uno che quando arrivava da qualche parte pareva sempre che continuasse a viaggiare, là fuori. Che la strada se la portasse in camera, che gli facesse da mappa. Entrava e il motore rimaneva acceso; l’armadio vuoto; i vestiti sulla sedia…”

Sinossi

Stefano Solinas è un fotografo e un professore di Antropologia Sociale dell’Università di Torino che è stato ucciso in circostanze misteriose. Prima della sua morte egli si era dedicato alla raccolta delle testimonianze di individui provenienti da luoghi del mondo tra loro lontanissimi. La sua idea era di pubblicare un romanzo del mondo, un atlante dalle coordinate emotive, la dimostrazione della centralità di alcuni temi ricorrenti nella natura umana.

Il romanzo è costituito dalle storie – diversissime tra loro – dei molti personaggi che si avvicendano all’interno dell’opera: un’opera corale, nello stile e nei contenuti, in cui le voci narranti raccontano una porzione del mondo, la propria esistenza o i fatti unici di cui sono stati testimoni ma sempre da una prospettiva diversa, che sia quella del clandestino, della prostituta, del ferroviere, del matto del paese o dello scrittore; sia che essi scrivano dalla Colombia, dall’Italia, dalla Repubblica Ceca o dal Sudafrica.
L’opera è una meta-narrazione costruita su più piani, un romanzo e una raccolta di racconti in cui il lettore è chiamato in causa come parte attiva; egli è coinvolto nella narrazione dal punto di vista del redattore, proprio come se le storie, non rimaneggiate e rimaste nascoste per cinquant’anni, arrivassero sulla sua scrivania: chi scrive sta raccontando la sua arbitraria versione della propria storia, il giudizio è riservato a chi la leggerà. Proprio come dovrebbe fare la buona letteratura.

Seguimi sui social media